Risparmio: scopri come migliorare la classe energetica della tua casa per una vita migliore

Tempo di lettura: 8 minuti
Facebook
Twitter
LinkedIn
Certificazione energetica per vendere un appartamento

Cosa troverai in questo articolo

Elettrodomestici all’avanguardia, illuminazione ecologica e pannelli solari sono solo alcuni dei modi in cui i proprietari di casa stanno migliorando l’efficienza energetica del proprio immobile. Ma sapevate che la classe energetica della vostra casa può fare una differenza significativa, non solo per l’ambiente ma anche per il vostro portafoglio?

Una casa efficiente dal punto di vista energetico significa bollette più basse, un’impronta di carbonio ridotta e uno spazio abitativo più confortevole. La chiave per ottenere questo risultato è capire e migliorare la classificazione energetica della vostra casa.

In questo articolo esploreremo l’importanza del sistema di classificazione energetica e dell’obbligo di APE introdotto gradualmente in Italia a partire da una legge pubblicata in Gazzetta ufficiale risalente al 1991. Dalla comprensione delle diverse classificazioni, all’implementazione di modifiche semplici ma efficaci, vi forniremo preziosi spunti e consigli pratici per migliorare l’efficienza energetica della vostra casa.

Che siate proprietari di casa che vogliono ridurre l’impatto ambientale o persone attente al budget e alla ricerca di risparmi a lungo termine, questo articolo fa per voi e vi permetterà di sperimentare i vantaggi di uno stile di vita più sostenibile ed economico.

Introduzione alle classificazioni energetiche

Le classificazioni energetiche sono un sistema che valuta l’efficienza energetica di un’abitazione in base a diversi parametri. Questo sistema fornisce una valutazione chiara e comparabile delle prestazioni energetiche della tua casa, consentendoti di comprendere quanto sia efficiente dal punto di vista energetico.

Una classificazione energetica solida può aiutarti a capire quanta energia consuma la tua casa e dove puoi apportare miglioramenti per ridurre i consumi. Questo è importante non solo per risparmiare denaro sulle bollette energetiche, ma anche per ridurre l’impatto ambientale delle tue abitudini di consumo energetico.

Come sapere la classe energetica di una casa

Se stai acquistando o affittando una casa, è importante conoscere la sua classe energetica. La classe energetica di una casa è un indicatore importante del costo di gestione dell’immobile e del suo valore sul mercato. Per conoscere la classe energetica di una casa esistono tre modi:

 

  • Richiedere l’APE al proprietario o all’amministratore di condominio.

  • Consultare il registro degli APE, secondo le modalità prevista da ciascuna regione italiana

Chi certifica la classe energetica di una casa?

La classe energetica di una casa è certificata da un tecnico abilitato, chiamato certificatore energetico. Il certificatore energetico è un professionista che ha seguito un corso di formazione specifico e che è iscritto all’albo dei certificatori energetici della propria regione.

 

 

Chi certifica la classe energetica di una casa?​

Il certificatore energetico è incaricato di redigere l’Attestato di Prestazione Energetica (APE), un documento ufficiale che attesta la classe energetica dell’immobile. L’APE è obbligatorio per tutti gli immobili che vengono venduti, affittati o sottoposti a interventi di ristrutturazione.

Per redigere l’APE, il certificatore energetico deve effettuare un sopralluogo all’immobile e raccogliere informazioni sulla sua superficie, la sua destinazione d’uso, gli impianti presenti e le caratteristiche costruttive. Sulla base di queste informazioni, il certificatore energetico calcola il fabbisogno energetico dell’immobile e ne determina la classe energetica.

Come si calcola la classe energetica di una casa?

Il calcolo della classe energetica di una casa è un processo complesso che richiede la valutazione di una serie di fattori, tra i quali:

La superficie utile dell'immobile

La superficie utile dell’immobile è la superficie che viene effettivamente utilizzata. È importante per il calcolo della classe energetica perché determina il volume dell’immobile e quindi la quantità di energia necessaria per riscaldarlo o raffreddarlo.

Per calcolare la superficie utile dell’immobile, è necessario misurare la superficie di tutte le stanze, i corridoi e gli altri spazi interni. È possibile utilizzare un metro a nastro per misurare la lunghezza e la larghezza di ciascuna stanza, e poi moltiplicare i due valori per ottenere la superficie.

L'involucro edilizio

L’involucro edilizio è la parte esterna dell’immobile, ovvero le pareti, il tetto, i pavimenti e le finestre. L’involucro edilizio ha un’importante influenza sulla classe energetica dell’immobile, perché determina la quantità di energia che viene persa o guadagnata dall’immobile.

Per calcolare l’efficienza dell’involucro edilizio, è necessario misurare la trasmittanza termica delle pareti, del tetto, dei pavimenti e delle finestre. La trasmittanza termica è un valore che indica la quantità di calore che viene trasmessa attraverso un materiale.

Gli impianti di riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria

Gli impianti di riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria sono responsabili del consumo di energia dell’immobile. Per calcolare la classe energetica dell’immobile, è necessario considerare l’efficienza di questi impianti.

Impianti di riscaldamento

L’efficienza di un impianto di riscaldamento è misurata dal suo coefficiente di prestazione (COP). Il COP è un valore che indica la quantità di calore prodotto da un impianto per ogni unità di energia consumata.

Impianto di raffrescamento

L’efficienza di un impianto di raffrescamento è misurata dal suo coefficiente di prestazione (EER). L’EER è un valore che indica la quantità di energia raffreddata da un impianto per ogni unità di energia consumata.

Produzione acqua calda

L’efficienza di un impianto di produzione di acqua calda sanitaria è misurata dal suo rendimento. Il rendimento è un valore che indica la quantità di acqua calda prodotta da un impianto per ogni unità di energia consumata.

Comprendere l'efficienza energetica

Abbiamo visto che la classificazione energetica delle abitazioni è un elemento chiave per valutare l’efficienza energetica di una casa. Una classificazione energetica più alta indica una maggiore efficienza energetica. Questo significa che una casa con una classificazione energetica elevata richiederà meno energia per il riscaldamento, il raffreddamento e l’illuminazione, rispetto a una casa con una classificazione energetica più bassa.

L'importanza della classificazione energetica delle abitazioni

Le classificazioni energetiche delle abitazioni hanno un impatto diretto sul consumo energetico. Una casa con una classificazione energetica più alta richiederà meno energia per il funzionamento degli elettrodomestici, il riscaldamento e il raffreddamento, rispetto a una casa con una classificazione energetica più bassa.

Ciò significa che una casa con una classificazione energetica bassa potrebbe richiedere più energia per garantire un livello di comfort simile. Di conseguenza, le bollette energetiche di una casa con una classificazione energetica bassa saranno più elevate rispetto a quelle di una casa con una classificazione energetica alta.

Classe energetica casa: tabella e significato

La tabella delle classi energetiche va dalla A+, che indica un consumo molto basso, alla G, che indica un consumo molto alto.

Qual è la classe energetica che consuma meno?​

Qual è la classe energetica che consuma meno?

La classe energetica che consuma meno è la classe A+, che indica un consumo molto basso. Un immobile in classe A+ ha un fabbisogno energetico annuo inferiore a 15 kWh/mq. Questo significa che, per riscaldare o raffreddare l’immobile, è necessaria una quantità di energia molto bassa.

Un immobile in classe A+ è caratterizzato da un isolamento termico dell’involucro edilizio eccellente e da impianti di riscaldamento e raffrescamento molto efficienti.

Classe energetica D che significa

Se vuoi sapere la classe energetica D che significa,  possiamo dire che si tratta di una classe energetica media, che indica un consumo di energia relativamente basso.

Un immobile in classe energetica D ha un fabbisogno energetico annuo compreso tra 71 e 90 kWh/mq. Questo significa che, per riscaldare o raffreddare l’immobile, è necessaria una quantità di energia inferiore rispetto a un immobile in classe energetica E o F, ma superiore rispetto a un immobile in classe energetica A o B.

Un immobile in classe energetica D è caratterizzato da un buon isolamento termico dell’involucro edilizio e da impianti di riscaldamento e raffrescamento efficienti.

Come migliorare classe energetica D

Per migliorare la classe energetica D di un immobile e ottenere la classe C è necessario che un immobile abbia un fabbisogno energetico annuo compreso tra 51 e 70 kWh/mq pertanto bisognerà fare in modo che l’immobile raggiunga un buon isolamento termico dell’involucro edilizio e da impianti di riscaldamento e raffrescamento efficienti.

Classe energetica E

La classe energetica E è una classe energetica medio-bassa, che indica un consumo di energia relativamente elevato. Un immobile in classe energetica E ha un fabbisogno energetico annuo compreso tra 91 e 120 kWh/mq

Come migliorare classe energetica E

Per ottenere classe energetica D, un immobile deve essere caratterizzato da un buon isolamento termico dell’involucro edilizio e da impianti di riscaldamento e raffrescamento efficienti.

Questo significa che, per riscaldare o raffreddare l’immobile, sarà necessaria una quantità di energia inferiore rispetto a un immobile in classe energetica E, ma superiore rispetto a un immobile in classe energetica C, ed un fabbisogno energetico annuo compreso tra 71 e 90 kWh/mq.

Classe energetica F

Per ottenere la classe energetica F è necessario che un immobile abbia un fabbisogno energetico annuo compreso tra i 121 e 160 kWh/mq. Questo significa che, per riscaldare o raffreddare l’immobile, è necessaria una quantità di energia molto elevata.

Un immobile in classe energetica F è caratterizzato da un isolamento termico dell’involucro edilizio scarso o inesistente e da impianti di riscaldamento e raffrescamento obsoleti.

Classe energetica G che significa?

La classe energetica G è la classe energetica più bassa, che indica un consumo di energia molto elevato.

Un immobile in classe energetica G ha un fabbisogno energetico annuo superiore a 162,5 kWh/mq. 

Un immobile in classe energetica G è caratterizzato da un isolamento termico dell‘involucro edilizio scarso o inesistente e da impianti di riscaldamento e raffrescamento  inefficienti.

Come migliorare la classe energetica G

Per ottenere la classe energetica F è necessario che un immobile abbia un fabbisogno energetico annuo inferiore a 160 kWh/mq. Questo significa che, per riscaldare o raffreddare l’immobile, è necessaria una quantità di energia molto elevata. Per ottenere la classe energetica F bisognerà raggiungere quantomeno un isolamento termico scarso o inesistente con impianti di riscaldamento e raffrescamento obsoleti.

Come le classificazioni energetiche influiscono sul consumo di energia

Una classificazione energetica elevata offre numerosi benefici per i proprietari di case. Innanzitutto, una casa ad alta efficienza energetica significherà bollette energetiche più basse. Questo può tradursi in risparmi significativi a lungo termine, che si accumuleranno nel corso degli anni.

Inoltre, una casa ad alta efficienza energetica avrà un minore impatto ambientale. Riducendo i consumi energetici, contribuirai a ridurre le emissioni di carbonio e a preservare le risorse naturali. Questo è particolarmente importante nell’attuale contesto di cambiamento climatico, in cui la riduzione delle emissioni è una priorità globale.

I vantaggi di una classificazione energetica elevata

Le classificazioni energetiche delle abitazioni sono influenzate da diversi fattori. Uno dei principali è l’isolamento termico della casa. Un buon isolamento termico riduce le perdite di calore in inverno e mantiene la casa fresca in estate, riducendo così la necessità di riscaldamento e raffreddamento.

Un altro fattore importante è l’efficienza degli impianti di riscaldamento e raffreddamento. Gli impianti moderni e ben mantenuti sono più efficienti dal punto di vista energetico rispetto a quelli obsoleti o mal funzionanti. Inoltre, l’uso di fonti di energia rinnovabile, come i pannelli solari, può contribuire a migliorare la classificazione energetica dell’abitazione.

Consigli per migliorare la classificazione energetica

Ci sono diverse misure che puoi adottare per migliorare la classificazione energetica della tua casa. Innanzitutto, considera di migliorare l’isolamento termico delle pareti, dei tetti e dei pavimenti. Questo ridurrà le perdite di calore in inverno e manterrà la casa fresca in estate.

Inoltre, assicurati che gli impianti di riscaldamento e raffreddamento siano efficienti e ben mantenuti. Sostituisci gli impianti obsoleti con quelli moderni e considera l’installazione di un termostato programmabile, che ti permetterà di regolare la temperatura in base alle tue esigenze.

Infine, valuta l’installazione di fonti di energia rinnovabile, come i pannelli solari. Questi ti permetteranno di generare energia pulita e ridurre ulteriormente la tua dipendenza dalle fonti di energia tradizionali.

Come aumentare classe energetica appartamento in condominio

Uno degli interventi a livello individuale che consente in maniera abbastanza agevole di migliorare la classificazione energetica, è la sostituzione degli infissi: gli infissi obsoleti sono spesso inefficienti e possono contribuire a un elevato consumo energetico. Sostituendoli con infissi nuovi e più efficienti, è possibile ridurre i consumi energetici.

come aumentare classe energetica appartamento in condominio

Una migliore classificazione energetica aumenta il valore della tua casa

L’efficienza energetica, potrebbe aumentare il valore della tua casa (puoi richiedere una valutazione del tuo immobile direttamente su Casaspetti.it). Gli acquirenti sono sempre più interessati alle case ad alta efficienza energetica, poiché queste offrono numerosi vantaggi in termini di risparmio energetico e comfort.

Migliorare la classificazione energetica della tua casa non solo ridurrà le bollette energetiche, ma ti permetterà anche di risparmiare denaro a lungo termine. I risparmi accumulati nel corso degli anni possono essere significativi e ti aiuteranno a bilanciare le spese quotidiane.

Risparmio finanziario grazie all'efficienza energetica

Per incentivare l’efficienza energetica delle abitazioni, spesso vengono attivati  incentivi e bonus finanziari. Questi possono includere sussidi per l’installazione di pannelli solari, agevolazioni fiscali per l’efficienza energetica e finanziamenti agevolati per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico.

Prima di intraprendere qualsiasi progetto di miglioramento energetico, verifica se ci sono incentivi governativi disponibili. Questi incentivi possono aiutarti a coprire parte dei costi e rendere i progetti di efficienza energetica ancora più convenienti.

Incentivi governativi per case ad alta efficienza energetica

La classificazione energetica delle abitazioni è un elemento chiave per valutare l’efficienza energetica di una casa. Comprendere e migliorare la classificazione energetica della tua casa ti permetterà di risparmiare energia e denaro, riducendo al contempo il tuo impatto ambientale.

Conclusioni: Agire per un futuro più verde

Abbiamo visto in questo articolo, che investire nell’efficienza energetica della tua casa non solo ti consentirà di risparmiare denaro nel lungo termine, ma ti permetterà anche di contribuire alla riduzione delle emissioni di gas serra e di creare un futuro più sostenibile per le generazioni future.

Casaspetti.it è la prima piattaforma online per vendere casa senza provvigioni.

Ultimi articoli

Categorie

Iscriviti alla newsletter

Altri articoli che potrebbero interessarti

quanto costa un atto di vendita di una casa
Blog

Quanto costa un atto di vendita di una casa?

Introduzione al costo dell’atto di vendita immobiliare Affrontare la vendita di una proprietà richiede di familiarizzare con alcuni aspetti finanziari cruciali, tra cui il costo dell’atto di vendita. La domanda

Leggi Tutto »

Confronto immobili