Superbonus 110 ultime notizie 2024

Tempo di lettura: 4 minuti
Facebook
Twitter
LinkedIn
superbonus 110 ultime notizie 2024

Cosa troverai in questo articolo

Superbonus 110 ultime notizie per il 2024: le modifiche, le opportunità per i redditi più bassi, e le nuove regole per la cessione del credito e lo sconto in fattura. Un articolo essenziale per chi vuole restare aggiornato sulle ultime evoluzioni di questa importante agevolazione fiscale

Un sostegno a fondo perduto per chi ha un reddito inferiore a 15.000€

Nel 2024, il Superbonus 110% introduce un sostegno specifico per le persone fisiche con un reddito inferiore a 15.000 euro, calcolato attraverso il “quoziente familiare”. Per coloro che, entro la fine del 2023, hanno portato i lavori ad uno stato di avanzamento di almeno il 60%, è previsto un contributo a fondo perduto. Questo intervento mira a compensare la differenza tra le agevolazioni precedenti, al 110% o al 90%, e la nuova aliquota ridotta al 70% applicabile nel 2024. Il contributo riguarderà le spese sostenute nel periodo che va dal 1° gennaio al 31 ottobre 2024, offrendo un supporto concreto a chi si trova in questa fascia di reddito e ha già avviato lavori di ristrutturazione

Superbonus condomini cosa cambia nel 2024

Per i condomini, l’agevolazione si ridimensiona ma resta sostanziale, passando dal 110% al 70% per il 2024, con una previsione di ulteriore riduzione al 65% per il 2025.  

La detrazione del 70% si applica anche ad una varietà di enti e soggetti, tra cui le ONLUS tradizionali, le Aziende di Servizi alla Persona (ASP), gli Istituti Autonomi per le Case Popolari (IACP), le cooperative di abitazione a proprietà indivisa, e le persone fisiche che non agiscono nell’ambito di un’attività d’impresa.

Questo ampio spettro di beneficiari riflette l’intento di rendere l’agevolazione accessibile a diverse categorie, supportando sia le iniziative no-profit sia i privati cittadini nelle loro esigenze abitative e di ristrutturazione.

Stop al superbonus villette e case unifamiliari

Il termine del 2023 ha segnato la conclusione dell’accesso al Superbonus per le villette e le case unifamiliari, lasciando queste categorie di immobili senza la possibilità di beneficiare di tale agevolazione nel 2024. La proroga al 110% era stata estesa fino al 31 dicembre 2023 ma solo per i progetti che, entro il 30 settembre 2022, avevano già raggiunto il 30% del completamento.

Per coloro che hanno intrapreso lavori di ristrutturazione nel 2023, è stata stabilita una detrazione ridotta al 90%, applicabile esclusivamente sotto certe condizioni: la riqualificazione doveva riguardare l’abitazione principale di una famiglia con un ISEE non superiore a 15.000 euro e che avesse un titolo legittimo sull’immobile

Stop al superbonus villette e case unifamiliari​

 

Per tutte le altre situazioni, rimangono applicabili i vari incentivi per la casa previsti per il 2024. Tuttavia, il Superbonus al 110% per il 2024 si applica solamente alle case unifamiliari situate nelle aree colpite dal sisma nel centro Italia, delineando così un ambito di applicazione molto più ristretto rispetto agli anni precedenti.

Superbonus 110 ultime notizie sulla cessione del credito

Nel corso del 2024, le opzioni della cessione del credito e dello sconto in fattura per il Superbonus non saranno più disponibili, una modalità che era stata precedentemente introdotta con il decreto Rilancio.

Tuttavia, permangono delle eccezioni specifiche che permettono ancora l’utilizzo di tali meccanismi: si tratta dei progetti già avviati per i quali, entro il 16 febbraio 2023, erano stati ottenuti i permessi necessari per procedere con gli interventi. Questa possibilità si estende anche ai lavori di edilizia senza obbligo di permessi specifici, a condizione che i pagamenti per i materiali da installare siano stati effettuati o che siano stati stipulati accordi per la loro fornitura entro la stessa data.

Superbonus 110 scadenze per il 2024

Con le nuove regole arrivano anche nuove scadenze. È cruciale segnare sul calendario questi appuntamenti per non perdere i benefici del Superbonus e per pianificare adeguatamente i lavori. Ricorda: una buona organizzazione è la chiave per sfruttare al meglio le agevolazioni disponibili.

Nel dettaglio delle scadenze per il Superbonus 110% nel 2024, emerge un quadro preciso che richiede attenzione. Una delle prime date da segnare in agenda è il 16 marzo 2024, che rappresenta la scadenza per le comunicazioni all’Agenzia delle Entrate relative alle opzioni per le spese sostenute nel 2023. Questa data è cruciale per tutti coloro che hanno optato per la cessione del credito o lo sconto in fattura e non prevede proroghe, rendendo fondamentale il rispetto di questo termine.

Un altro appuntamento importante è fissato al 31 dicembre 2024, entro il quale i condomini che intendono beneficiare della detrazione al 70% devono concludere i lavori. Superata questa data, l’agevolazione subirà un’ulteriore riduzione, scendendo al 65% a partire dal 1° gennaio 2025. Queste scadenze delineano un percorso chiaro per la pianificazione e la realizzazione dei lavori, sottolineando l’importanza di una gestione attenta dei tempi per massimizzare i benefici fiscali derivanti dal Superbonus 110%.

Conclusione

Le novità del Superbonus 110% per il 2024 introdotte dal decreto Salva Superbonus delineano un panorama in evoluzione per chi è interessato a investire in ristrutturazioni energetiche e antisismiche. Con la fine dell’agevolazione per villette e case unifamiliari e la restrizione sulla cessione del credito e lo sconto in fattura, è fondamentale pianificare con attenzione i propri progetti. Le nuove misure di supporto per i redditi più bassi sottolineano l’importanza di restare informati e aggiornati sulle ultime disposizioni normative.

Per chi si appresta a navigare in queste acque, una consulenza qualificata può fare la differenza nel trarre il massimo vantaggio dalle agevolazioni ancora disponibili.

Casaspetti.it è la prima piattaforma online per vendere casa senza provvigioni.

Ultimi articoli

Categorie

Iscriviti alla newsletter

Altri articoli che potrebbero interessarti

quanto costa un atto di vendita di una casa
Blog

Quanto costa un atto di vendita di una casa?

Introduzione al costo dell’atto di vendita immobiliare Affrontare la vendita di una proprietà richiede di familiarizzare con alcuni aspetti finanziari cruciali, tra cui il costo dell’atto di vendita. La domanda

Leggi Tutto »

Confronto immobili